“ALLEANZA CIVICA DEL NORD”, NASCE L’ASSOCIAZIONE DELLE LISTE CIVICHE DEL NORDOVEST

“ALLEANZA CIVICA DEL NORD”, NASCE L’ASSOCIAZIONE DELLE LISTE CIVICHE DEL NORDOVEST

Alla presenza del sindaco di Milano Giuseppe Sala e del presidente emerito di Regione Lombardia, Piero Bassetti, è stata presentata a Milano, presso la cascina Bellaria, l’associazione “Alleanza civica del Nord”.  All’iniziativa politica promossa da liste civiche di Liguria, Lombardia e Piemonte fanno riferimento consiglieri regionali di Piemonte, Liguria e Lombardia e consiglieri comunali e municipali di Milano, Torino, Genova, Cuneo, Alessandria, Verbania e altre città del Nord Ovest.  Presenti alla riunione fondativa  erano Laura Sau e Claudio Ramoni della lista civica verbanese Con Silvia per Verbania, che ha contribuito fattivamente alla realizzazione di questo soggetto politico civico con il fine, come sottolineato in occasione del Convegno Passaggio a Nord-Ovest organizzato e ospitato a Verbania lo scorso ottobre, di trasferire l’esperienza di politica del territorio comunale al servizio dei cittadini maturata in questi cinque anni ad aree territoriali più ampie in ambito provinciale per poi ipotizzare un’estensione interregionale del Nord Ovest.

Come portavoce in attesa della formalizzazione delle cariche sono stati indicati Franco D’Alfonso, consigliere comunale della Lista Noi Milano-Beppe Sala Sindaco, Mario Giaccone, consigliere regionale per la lista civica che sostiene il Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino e Arcangelo Merella, promotore della lista civica Ge9si al Comune di Genova. I promotori dell’associazione avevano già supportato importanti iniziative a Verbania (Convegno delle Liste Civiche “Passaggio a Nord Ovest”) e Genova a sostegno dei territori regionali, provinciali e comunali e delle necessarie infrastrutture per il loro sviluppo. Nell’introdurre l’incontro D’Alfonso ha sottolineato i due riferimenti cardini della costituenda alleanza: l’Europa e la necessaria autonomia del Nord in un quadro di vero federalismo che sappia contemporaneamente offrire un ruolo di sviluppo al Sud nella centralità mediterranea ma con un approccio di federalismo funzionale per evitare ogni confusione con federalismo sovranista locale o addirittura di stampo statalista.  Bossetti ha poi sottolineato l’idea di sviluppare un patto associativo di poteri locali con un ruolo capace di arricchire una nuova proposta politica emersa dall’esperienza civica dei comuni che esprima una nuova organizzazione politica nazionale e internazionale che sfrutti un nuovo modello di politica della cultura.

Secondo Sala,  M5S e Lega Nord sono stati lucidi nel saper intercettare i bisogni della popolazione, sebbene in maniera populistica; occorre esserlo ancora di più per individuare tali necessità e poi saper investire nello sviluppo di un modello capace di sostenere nel tempo il benessere che si è venuto a creare a sostegno dei cittadini e quindi della base della società nel suo insieme. In tal senso Milano rappresenta un modello di riferimento daapplicare a tutti i territori del nord per arrivare poi ad agganciare quelli del sud, concretizzando l’asse di sviluppo teorizzato verso il mediterraneo.  Occorre essere più attivi e reattivi anche rispetto all’attuale politica “oziosa” del Partito Democratico, che ad oggi poco o nulla ha saputo fare per reagire al repentino cambiamento.

Nelle foto alcuni momenti della riunione fondativa

 

 

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.