LA POLIZIA FERROVIARIA TRACCIA IL BILANCIO DI UN ANNO DI ATTIVITA’

LA POLIZIA FERROVIARIA TRACCIA IL BILANCIO DI UN ANNO DI ATTIVITA’

Quello appena concluso, il 110° dalla fondazione, è stato un anno impegnativo per la Polizia Ferroviaria del Piemonte e Valle d’Aosta che ha visto i propri Agenti costantemente impiegati in attività di vigilanza e controllo sia negli ordinari servizi istituzionali che in quelli di carattere straordinario, organizzati di iniziativa o su  specifici input ministeriali diramati dal Servizio Polizia Ferroviaria di Roma. I risultati conseguiti parlano di sicurezza e lo dimostrano i dati relativi all’attività della Sottosezione Polfer di Domodossola: durante tutto il 2017, gli operatori  hanno proceduto a controllare 7816 persone, di cui 3946 straniere, elevando 38 contravvenzioni al Regolamento di Polizia Ferroviaria, mentre sono state 18 le denunce ricevute per delitti consumati in ambito ferroviario.  Sono stati 600 i servizi di vigilanza allo scalo di Domodossola e oltre 400 di scorta a bordo dei treni sulle tratte Domodossola-Milano e Domodossola-Novara, con contestuali 68 servizi straordinari di pattugliamento disposti dal Ministero.  Tra gli interventi effettuati dagli Operatori Polfer, nel mese di giugno dello scorso anno un ventiquattrenne marocchino è stato arrestato per una rapina perpetrata ai danni di una signora di circa sessantacinque anni, all’ingresso di un centro commerciale nei pressi della stazione.  Peculiare del territorio l’intervento effettuato lungolinea perché un gregge di ovini, sfuggito al controllo, aveva occupato i binari nella tratta Verbania-Baveno. Prosegue il progetto “Train…to be cool”, promosso dal Servizio Polizia Ferroviaria, anche nel Vco. Gli agenti hanno spiegato agli studenti, il corretto comportamento da tenere in stazione e sul treno per tutelare la loro incolumità.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.