NUOVO OSPEDALE, GIRO ROSA, IL MAGGIORE: TEMI E TONI DELLA “CAMPAGNA ELETTORALE” ….

NUOVO OSPEDALE, GIRO ROSA, IL MAGGIORE: TEMI E TONI DELLA “CAMPAGNA ELETTORALE” ….

Per chi ha seguito le polemiche incessanti che hanno contrassegnato la politica locale nella legislatura in corso e i toni che hanno assunto, non è certo difficile immaginare quali pieghe prenderà la campagna elettorale per le prossime elezioni amministrative. Meglio sarebbe dire anzi quali pieghe sta già prendendo, visto come si manifestano le reazioni ai temi in discussione in questi giorni, Ne pubblichiamo di seguito alcune, in riferimento a prese di posizione già pubblicate e alle quali pertanto i nostri lettori possono fare direttamente riferimento per recepire quali aspetti stiano assumendo le contrapposizioni e le reciproche accuse.

Cominciamo dal comunicato di Michael Immovilli (Forza Italia Berlusconi)  a seguito dell’intervento del Comitato Salute Vco sulle vicende del nuovo ospedale unico:

MA QUESTI DEL COMITATO SALUTE DEL VCO SONO IL NUOVO PD ?: A questi signori (Compreso il Vice Presidente della Regione Piemonte) ricordiamo che nel VCO l’idea dell’ Ospedale Unico (progetto diverso da quello di Ornavasso) e’ stato cassato dal Referendum Provinciale, promosso proprio dai signori che oggi intendono avallare la scelta della Regione di negare il diritto alla salute ai cittadini del VCO. A questi signori e’ bene ricordare che siamo passati in meno di un anno dall’idea di sopprimere un DEA (per la precisione quello dell’ospedale Castelli) alla scellerata idea di realizzare un mediocre ospedale ad Ornavasso con costi esorbitanti e con l’intenzione di svendere alla sanità privata il già citato ospedale Castelli e il San Biagio. A questi signori che oggi attaccato il Sindaco di Cannobio Albertella (tra meno di un anno) possibile Sindaco di Verbania, stilano una filippica assurda, come la tela di Penelope, sul piano sanitario stilato dalla Regione Piemonte…Chiamparino Docet, figlio del dissenso prodotto negli anni antecedenti all’avvento del Presidente Cota, che fu messo davanti all’evidenza dei fatti con i conti regionali della sanità al collasso. Per il VCO ricordiamo a questi signori che il centrodestra proprio perché siamo un territorio “diversamente sanitario” da Torino e il resto del Piemonte aveva previsto il mantenimento e ripetiamolo a lettere cubitali “mantenimento” degli ospedali esistenti. A questi signori consigliamo di discutere di sanità analizzando tutti gli aspetti (stiamo ancora aspettando i soldi per la seconda ala del San Biagio promessi a suo tempo…) economici promuovendo a loro vota, temi volti alla riorganizzazione dei servizi sanitari nei tre ospedali del VCO, andando a vedere quello che non funziona! Se sono il nuovo PD auguri, la campagna elettorale per le regionali e Verbania e Gravellona e Stresa ecc. e’ già iniziata.

Stefania Minore del Gruppo Misto torna dal canto suo sulle polemiche sollevate dallo svolgimento della tappa del Giro Rosa con il comunicato “Giro rosa, cittadini verdi di rabbia”:

Il giro rosa ha mandato in tilt Verbania, numerose le segnalazioni ricevute di persone che si sono trovate bloccate nelle strade sotto il sole, vittime della disorganizzazione. Un’infermiera ha raccontato che è stata fatta uscire con altre colleghe prima dal turno di lavoro per poter raggiungere un varco che le avrebbe permesso di recarsi a casa senza dover aspettare la conclusione della gara e invece, probabilmente per un errore di comunicazione di orari fra enti si è’ trovata intrappolata in corso Europa per due ore e mezza con una madre invalida sola a casa che l’aspettava. Un paziente oncologico in ferie sul Lago Maggiore con casa a Premeno anch’egli è rimasto intrappolato a Pallanza senza poter raggiungere il domicilio per assumere le medicine, assistenti domiciliari bloccate in macchina sotto il sole nell’impossibilità di raggiungere i pazienti, queste solo alcune delle lamentele raccontate al telefono da persone sull’orlo di una crisi di nervi alle quali ho fornito il numero del comando dei vigili che però non hanno dato alternative all’attesa. Siamo favorevoli alle manifestazioni sportive purché gestite con responsabilità. Quello che è mancato in assoluto è stata un’adeguata diffusione delle informazioni e affissione di cartelli, inoltre troviamo assurda la scelta di creare un percorso su entrambe le careggiate che ha isolato Pallanza Intra e Suna e Fondotoce senza creare una via d’uscita.   Siamo abituati alle scelte insensate del Sindaco, ma ci chiediamo come sia possibile che il Prefetto non abbia avuto nulla da eccepire. Sia di conforto alle persone sapere che sarà l’ultima estate di follie del peggior sindaco dal dopoguerra a oggi.

E sul battibecco relativo al Maggiore con accuse e controaccuse tra Con Silvia per Verbania e Lega, ecco la reazione di Renato Brignone (Sinistra & Ambiente);

Amici di Silvia e leghisti, fondetevi e formate un partito, siete “deliranti” in egual misura! Sugli amici di Silvia ho già detto e scritto molto, ed effettivamente i loro comunicati sono spesso “a vanvera”… però questa risposta leghista è perfettamente allineata, bastino 2 punti certi per inquadrarla: 1- i finanziamenti erano per 12 milioni , ne sono stati spesi più di 18… i verbanesi hanno pagato e pagheranno, eccome! (i numeri li cito a memoria … milione più milione meno); 2- il progetto di Arroyo è stato pagato 2 volte e non semplicemente spostato. Insomma assiste a due lati della stessa medaglia che litigano è surreale, ma “è Verbania bellezza”.

Nella foto Brignone, Minore, Immovilli in consiglio comunale

 

  1. La grande bellezza italica: campagna elettorale ad vitam…

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.