ARRESTATI I RAPINATORI DELL’UFFICIO POSTALE DI NONIO

ARRESTATI I RAPINATORI DELL’UFFICIO POSTALE DI NONIO

In provincia di Napoli e di Verbania, i Carabinieri del Comando Provinciale di Verbania, con la collaborazione dei colleghi territorialmente competenti, hanno eseguito 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP presso il Tribunale di Verbania, arrestando altrettanti soggetti indagati a vario titolo per la rapina all’Ufficio Postale di Nonio  avvenuta il 3 dicembre del 2018. I dettagli dell’operazione  sono stati resi noti oggi presso il Comando Provinciale Carabinieri di Verbania. Due esecutori materiali della rapina, un intermediario e un basista incensurato le persone coinvolte nel colpo, il cui bottino è stato di circa 7.000 euro.  Tutto ha preso il via dal rilevamento di impronte digitali bell’Ufficio Postale,  che hanno permesso di identificare in modo certo un pregiudicato napoletano.  Le indagini sono poi proseguite coordinate dal PM Laura Carrera della Procura di Verbania per identificare il secondo rapinatore ed eventuali fiancheggiatori e/o basisti, pressoché certi poiché gli autori si erano mossi da Napoli senza alcuna conoscenza della zona.  Sono così emersi contatti con un insospettabile carpentiere di 63 anni incensurato, di origine campana ma residente a Cesara da una decina di anni nonché la figura di un intermediario che ha favorito tali contatti e si è ricostruito il quadro completo dell’accaduto.  Presi i contatti e definiti gli accordi, il carpentiere ha ospitato dal 29 novembre nella sua casa le altre persone coinvolte. Dopo la rapina del 3 dicembre, gli autori sono tornati nella casa del basista fino a sera, quando sono poi tornati in Campania uno in auto e uno in treno.  I reati contestati sono rapina aggravata e porto di armi illegale aggravato in concorso. Gli arrestati sono gli esecutori materiali della rapina Maurizio Esposito e N unzio Amato, l’intermediario Angelo Annunziata e il basista Ignazio Moccia, quest’ultimo associato alla casa circondariale di Verbania.

Nelle foto la rivelazione del colpo e delle indagini al Comando provinciale dei Carabinieri di Verbania e gli arrestati

 

 

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.