SUI LAVORI DEL LUNGOLAGO, M5S CONTRO FRATELLI D’ITALIA E FRONTE NAZIONALE: “PARLANO DEL NULLA”

SUI LAVORI DEL LUNGOLAGO, M5S CONTRO FRATELLI D’ITALIA E FRONTE NAZIONALE: “PARLANO DEL NULLA”
Sui lavori in corso sul lungolago di Pallanza si apre un nuovo fronte di polemica. Con un comunicato diffuso oggi, il Movimento 5 Stelle va all’attacco di Fratelli d’Italia e Fronte Nazionale, esprimendo sorpresa per i commenti diffusi dai loro rappresentanti e accusandoli di criticare solo per avere visibilità mediatica.
Ci chiediamo dove  questi rappresentanti siano stati finora – si legge nel comunicato -.  Infatti, in sede di Commissione lavori pubblici, di cui abbiamo la presidenza, è stato discusso per ben due volte il progetto, proprio con l’intento di far emergere le criticità  e dar modo ai consiglieri comunali di esporre le loro perplessità. Dalla disamina del progetto in Commissione e dalle osservazioni emerse si è ottenuto di effettuare contemporaneamente i lavori per far sì che il consolidamento non avvenisse dopo la realizzazione del lungolago rischiando di danneggiare lo stesso; la non promiscuità  tra pedoni e biciclette nella realizzazione del tratto ciclopedonale; la realizzazione del senso unico. Ad oggi, l’unica incongruità  che ci sentiamo di evidenziare rispetto alle valutazioni in commissione è la pavimentazione della pista che poco si addice alla percorribilità  in bicicletta. Ci domandiamo quindi perchè tutte le criticità  sollevate ora non siano state evidenziate nelle sedi opportune, PRIMA dell’inizio lavori. Troppo facile criticare dopo (per finire sui giornali) quando si sarebbe potuto utilizzare un idoneo strumento di partecipazione attiva alla gestione della cosa pubblica.
  1. Giorgio Tigano 17 marzo 2018, 0:25

    Stupisce che proprio un consigliere dei M5S, partito che ha costruito le sue fortune denunciando il malcontento popolare, ora critichi chi si fa portavoce dei malumori per i disagi provocati dai lavori e per le perplessità che fatalmente emergono in corso d’opera. Un conto sono i progetti sulla carta ed un altro le impressioni ricavate dalla realizzazione delle stesse. Il progetto del lungolago non ci convince e tanto meno i metodi e la scelta dei tempi d realizzazione, tenuto conto che il progetto preliminare, poi modificato, risale ad oltre cinque anni orsono. Prendiamo atto che il progetto piace alla maggior parte delle forze politiche le quali hanno avanzato chiarimenti solo sulla realizzazione del senso unico. Vedremo cosa ne pensa la cittadinanza e i gestori di attività commerciali. Sa benissimo il consigliere Campana quanto sia difficile far digerire modifiche ai progetti presentati. Se le nostre critiche fossero del tutte infondate la stampa non ci avrebbe dato spazio.

    Reply
  2. Chiariamoci sul senso che vogliamo dare alla politica come consiglieri comunali: Una cosa è avere una idea di città e confrontarsi su di essa nelle sedi opportune, altra cosa è “dare voce alla pancia”. E’ corretta l’osservazione di Campana quando dice che in molti (troppi) delle minoranze non si fanno mai vedere in Commissioni, facile poi prendere le lamentele di alcuni e buttarle sui giornali a scoppio ritardato giusto per “darsi un ruolo”… è però anche vero che le Commissioni sono trattate dalla maggioranza come un fastidio, prova ne siano le poche svolte, male organizzate (tal volta d’urgenza e con un solo punto in ODG) e addirittura fatte ad uso e consumo di “regolamenti di conti” interni alla stessa maggioranza (vedi caso Astor o Lidl , per citarne alcuni). La stampa si sa, da spazio a cose “strane” , con logiche tal volta di “odience” e tal volta non vogliono scontentare “il manovratore” (il caso Borghi secondo me in questo è esemplare) . Sta di fatto che condivido pienamente le osservazioni di Campana e trovavo corretto sottolinearlo con il presente commento.

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.