UNA VERBANIA POSSIBILE: “PRATO SINTETICO NELLE SCUOLE, UNA DECISIONE INCONCEPIBILE”

UNA VERBANIA POSSIBILE: “PRATO SINTETICO NELLE SCUOLE, UNA DECISIONE INCONCEPIBILE”

Suscita accese polemiche la variazione  inserita al programma triennale delle opere pubbliche nell’ultimo consiglio comunale,  con una modifica resasi necessaria per poter partecipare a un bando regionale destinato a opere di miglioramento, messa in sicurezza, efficientamento energetico, ristrutturazione delle scuole dell’infanzia.  Il progetto che l’amministrazione presenterà prevede anche il posizionamento di manto sintetico in  cinque plessi scolastici ed è proprio questa circostanza a suscitare una dura presa di posizione  di Una Verbania Possibile. La decisione presa per poter rientrare nei “paletti” del bando poichè pare che il sintetico sia più sicuro – dichiara in un comunicato il movimento di riferimento dei gruppi consiliari Cittadini Con Voi e Sinistra & Libertà –  ci lascia francamente basiti. Avete capito bene, una città che da anni prova ad “entrare” nel Parco Nazionale della Val Grande, che pochi giorni fa ha inaugurato gli orti civici, il cui sindaco è recentemente diventato presidente di uno dei giardini più rinomati in Europa – Villa Taranto – decide di investire nel prato sintetico pur di tentare di ottenere un finanziamento. A nostro avviso il problema principale è nei bandi e in come essi vengano percepiti dagli amministratori. Per questo ci porgiamo due interrogativi: Fino a che punto è giusto scendere a compromessi pur di ottenere un finanziamento? Siamo sicuri che non sarebbe meglio rinunciare a dei finanziamenti in favore di una visione di città differente? A voi le risposte, intanto da domani i nostri bambini potrebbero crescere nella plastica ( volutamente provocatorio) anziché su erba naturale.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.