ARRESTATO IL RESPONSABILE DELL’INCENDIO A PALLANZA

ARRESTATO IL RESPONSABILE DELL’INCENDIO A PALLANZA

G.B., 66enne di nazionalità ceca e senza fissa dimora, è stato tratto  in arresto dai militari della Sezione Radiomobile del Comando Compagnia Carabinieri di Verbania,  per il reato di danneggiamento a seguito di incendio.  Alla Centrale Operativa erano giunte diverse chiamate che segnalavano l’incendio di  due cassonetti dell’immondizia nelle vicinanze del supermercato Carrefour City in via Marconi di fronte alla Scuola Elementare Guglielmazzi.  Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e un equipaggio dei Carabinieri. Mentre i primi erano  impegnati a domare le fiamme, i militari, grazie anche alla testimonianza fornita da alcuni  cittadini intenti ad andare a votare, hanno raccolto tutti gli elementi utili all’identificazione del  responsabile, rintracciandolo in pochi minuti nelle vie limitrofe al luogo dei fatti, mentre cercava  di allontanarsi con fare noncurante.  Prontamente bloccato e sottoposto a perquisizione personale, l’uomo veniva trovato in  possesso anche di un accendino e condotto in caserma. Lo stesso, risultato gravato da precedenti  specifici, è stato riconosciuto senza dubbio alcuno come responsabile degli incendi anche grazie  all’esame delle immagini del sistema di videosorveglianza comunale.  Il soggetto è stato tradotto nella casa circondariale di  Verbania in attesa di determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.

  1. Andrebbe anche multato il gestore del supermercato che immancabilmente tutti i giorni usa quel pezzo di suolo pubblico (in bella vista) per la sua “raccolta differenziata”; se fosse stato corretto come la maggior parte dei cittadini e dei commercianti (che mettono fuori dal proprio negozio o dalla propria casa nei giorni della raccolta), il responsabile dell’incendio non avrebbe avuto modo di bruciare alcunché visto che era domenica e i cartoni vengono ritirati il venerdì mattina. Immaginando che il gesto “incivile” di usare suolo pubblico per accatastare i rifiuti continuerà, questa volta, non esiterò ad avvertire la polizia locale.

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.