ATTIVITA’ ESTRATTIVE E NATURA 2000 NEL VCO, VINCOLI E DIVIETI: UN INTERVENTO DEL PRESIDENTE LINCIO

ATTIVITA’ ESTRATTIVE E NATURA 2000 NEL VCO, VINCOLI E DIVIETI: UN INTERVENTO DEL PRESIDENTE LINCIO

Per la Provincia del Vco la definizione dell’attuale sistema Rete Natura 2000 è avvenuta nell’anno 2007 sia per le Zone di Protezione Speciale ZPS che per i Siti di Importanza Comunitaria SIC a cui vennero associati dei vincoli per lo svolgimento di determinate attività. Sui successivi sviluppi della situazione che hanno fatto emergere varie criticità e sugli intenti dell’amministrazione provinciale interviene con la seguente nota il presidente Arturo Lincio.

La perimetrazione delle Zone di Protezione Speciale ZPS (effettuata dalla regione ad una scala grossolana a differenza di quanto realizzato per le altre Province) presenta gravi incongruenze derivanti sia da errori materiali sia da una errata interpretazione dei dati territoriali. Questo è causa di notevoli problemi per i seri rischi di inibizione di alcuni importanti funzioni del territorio stesso, quali ad esempio le attività estrattive.
Si comprese subito che la definizione delle aree avrebbe potuto avere giustificabili e percorribili ipotesi alternative. Nell’anno 2010 la Giunta Provinciale individua e cartografa tutte le situazioni di criticità con particolare attenzione alle attività impropriamente classificate dai funzionari regionali SIC e ZPS. “Cosette da poco”: lo Scalo Ferroviario Domo 2, l’Aviosuperficie, le zone industriali , le cave , ecc.ecc.
Per sostenere le proposte di riperimetrazione e correggere gli errori occorrevano “naturalmente” studi scientifici di dettaglio idonei a dimostrare il miglioramento dello stato di conservazione della diversità biologica. Finalmente nel 2011 la Giunta Provinciale può approvare una proposta di incremento delle aree distribuite sui territori maggiormente vocati alla biodiversità rispettando così l’indicazione di supportare le nuove riperimetrazioni con criteri tecnico scientifici.
Le aree ZPS passano da 74.619 ha a 75.754 ha con un incremento positivo di oltre 1135 ettari. Nel 2013 la Giunta Regionale approva la proposta e la trasmette al Ministero dell’Ambiente che per tutta risposta nel 2014 comunica alla Regione l’impossibilità (sic) di accogliere le proposte.
Pur di non prendere atto degli errori commessi correggendo le perimetrazioni , vengono violate le indicazioni di Natura 2000 e si accrescono nel tempo gravi ripercussioni a danno delle attività economiche.
Ma gli Amministratori provinciali non ricorsero alle vie legali per chiedere la revoca di provvedimenti contrastanti con la Direttiva e per ottenere il riconoscimento dei danni causati alle attività, alla occupazione e quindi alle condizioni socioeconomiche generali del territorio provinciale.
Infatti la Direttiva Europea , come si può leggere testualmente, riconoscendo pienamente l’uomo parte integrante della natura prevede che le misure di conservazione della natura siano concertate con le attività socioeconomiche. Natura 2000 non si pone l’obiettivo di ostacolare le attività economiche con imposizioni dirigistiche bensì di fissare i parametri in base ai quali queste possano svolgersi.
“ Ciascun sito subisce l’influenza del proprio CONTESTO ECONOMICO che, a sua volta, PUO’ CONDIZIONARE LA FATTIBILITA’ DI DETERMINATI OBIETTIVI E MISURE DI CONSERVAZIONE . Pertanto è opportuno informare, consultare e coinvolgere le parti interessate non solo quando si elaborano le misure di conservazione, ma anche quando si definiscono gli obiettivi di conservazione. Nella elaborazione e implementazione delle misure di conservazione necessarie per raggiungere gli obiettivi va tenuto conto di tutte le attività e di tutti gli interessi socioeconomici all’interno del sito. E’ importante tener conto non solo dei costi delle misure ma anche delle conseguenze della loro attuazione, specialmente se si propone di limitare o adeguare pratiche di gestione esistenti che possano comportare un mancato guadagno”.
La realtà si è rivelata tutt’altra rispetto alle disposizioni dell’Unione Europea : a differenza della applicazione di Natura 2000 in altre nazioni,o più semplicemente in altre regioni, la burocrazia ambientale si è comportata da convitato di pietra. Avulsa da qualsiasi considerazione di sostenibilità economica ha brillato per incomunicabilità con gli altri settori regionali, proiettandosi in suggestive interpretazioni ed applicazioni delle norme più ideologiche che pratiche.
La conclusione è che chi si assume l’onore e l’onere di condividere la responsabilità dello sviluppo del proprio territorio deve saper compiere ogni atto utile ad impedire che importanti obiettivi socioeconomici vengano vanificati.
Se la revoca di atti compiuti dalle passate amministrazioni provinciali consentisse di portare alla ribalta dell’Unione Europea il mancato rispetto dei principi fondamentali di Natura 2000, dapprima da parte della Regione nel 2007 e quindi dal Ministero dell’Ambiente nel 2014, si potrebbero rimuovere gli errori e i conseguenti vincoli imposti al nostro territorio provinciale rendendo vane le aspettative di un ordinato sviluppo socioeconomico. In questa direzione la Provincia si muoverà compiendo ogni possibile sforzo, visto che le zone industriali, le attività estrattive, l’Aviosuperficie e lo Scalo ferroviario Domo 2 sono solo alcuni importanti esempi di problematiche che affliggono il territorio perché imposte da un uso sconsiderato dei divieti.

 

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.