CAPITALE DELLA CULTURA 2021: SI RINVIA TUTTO DI UN ANNO

CAPITALE DELLA CULTURA 2021: SI RINVIA TUTTO DI UN ANNO

L’amministrazione comunale di Verbania sostiene la proposta del Comune di Parma, Capitale della Cultura Italiana 2020, di rimandare il programma di attività all’anno successivo e chiederà che il proprio dossier di candidatura venga valutato, assieme alle altre città che abbiano presentato regolare manifestazione d’interesse, per il 2022, senza dover emanare un nuovo bando e senza ulteriori proroghe per la consegna dei dossier.  Il sindaco Silvia Marchionini e l’assessore alla cultura Riccardo Brezza spiegano che la decisione nasce da due considerazioni di buon senso:  La prima, riguarda l’impossibilità per Parma di portare a termine il programma, con intollerabili ricadute negative per la città, il territorio, gli artisti e gli operatori coinvolti, sia sul piano culturale, sia su quello sociale ed economico;  la seconda riguarda, invece, la possibilità di utilizzare le risorse che si sarebbero spese per una nuova capitale nel 2021 a beneficio del sistema culturale, in aggiunta a quanto già stabilito dai recenti atti del Governo. In questo senso, dopo aver sentito alcuni amministratori delle città candidate, trovandoci d’accordo con la proposta dell’assessore alla Cultura della Città di Ancona, Paolo Marasca, stiamo prendendo contatti con le altre città candidate per il 2021 per mandare una richiesta ufficiale che vada in questa direzione al Ministero dei Beni Culturali. Crediamo che anche in una competizione debbano sempre prevalere la sportività e la solidarietà e questo è il momento per dimostrarlo. Tutti insieme possiamo essere più forti e quando tutto questo sarà finito sarà proprio il sistema culturale e artistico di questo Paese uno degli aspetti che ci permetterà di ripartire più forti di prima.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.