COMITATO SALUTE VCO: NESSUN DEA A VERBANIA. E NASCE IL COMITATO DIFESA OSPEDALE CASTELLI

COMITATO SALUTE VCO: NESSUN DEA A VERBANIA. E NASCE IL COMITATO DIFESA OSPEDALE CASTELLI

I consiglieri comunali Laura Sau, Giovanni Alba e Giovanbattista Finocchiaro De Lorenzi, già promotori della mobilitazione dei giorni scorsi davanti all’Ospedale Castelli, annunciano che è in corso di costituzione il Comitato difesa Ospedale Castelli:  Si è giunti a questa determinazione dopo la pubblicazione del documento Ires il cui contenuto riteniamo estremamente pericoloso per il futuro dell’ospedale e un danno irreparabile per i 100.000 residenti dell’area sud della provincia. Rileviamo ancora una volta che tale decisione è stata assunta in solitudine dai vertici regionali senza consultare preventivamente territorio e istituzioni – a cominciare dalla Conferenza dei Sindaci dell’Asl Vco – come loro diritto.  Le persone sensibili alla problematica sono invitate ad unirsi nel sostenere tutte le iniziative necessarie per  contrastare questa azione lesiva del diritto alla salute dei cittadini.  Per il momento sottoscrivono la creazione del Comitato Laura Sau, Giovanni Alba, Giovanbattista Finocchiaro De Lorenzi, Alberto Catena Cardillo, Fausto Cavallini, Adriano Sbernini, Massimo Ronchi, Lucio Scarpinato, Claudio Ramoni, Raffaella Moretti, Aurelio Tedesco, Nicoletta Sala.

Riceviamo intanto  dal Comitato Salute Vco il seguente comunicato dal tirolo “Spudorati!”, nel quale si denuncia che di fatto il Castelli non avrà nessun Dea:

Con tutto il rispetto per i tecnici che hanno confezionato il documento presentato ai Sindaci del Vco il 29 aprile scorso, non possiamo che prendere atto che, come avevamo previsto tempo fa, le conclusioni sono in linea con quanto il nostro consigliere regionale, noto esperto di problemi sanitari, andava dicendo dal tempo della campagna elettorale che lo ha poi catapultato in consiglio regionale. I tecnici non potevano far diversamente in quanto stipendiati dalla Regione, quindi con una libertà di azione pari a zero, anche se va riconosciuto loro che nel documento c’è una tabella con tre opzioni tra cui scegliere per collocare un nuovo ospedale nel Vco. Una valutazione dei pro e dei contro da loro esposti, fa propendere la preferenza per un unico ospedale nuovo provinciale, finora demonizzato senza motivo. Inspiegabilmente la scelta cade invece sulla soluzione che scarica tutti gli svantaggi sul sud della provincia e nel testo che segue si cerca di dimostrare la bontà della scelta secondo il già conosciuto pensiero del nostro rappresentante in consiglio regionale che considera il sud della provincia ampiamente coperto da “ospedali” soprattutto “privati” ignorando volutamente (ma lo sa?) che questi non lo sono nell’accezione tecnica del termine perché privi di Dea, come dimostrato dalla recente pandemia.
Non si era però mai visto però un documento teso al riordino della sanità pubblica, inserire nella valutazione anche le strutture private (che c’entra il Coq?) sulle quali non si ha ne’ il potere di gestione, ne’ la proprietà. Una forzatura. Infatti, in Italia, durante la recente crisi pandemica, le strutture pubbliche sono state obbligate a fronteggiare le emergenze sanitarie mentre le strutture private hanno potuto scegliere di non farlo, anche sono state poi coinvolte per la riabilitazione dei pazienti dimessi dalle strutture pubbliche. Ma anche volendo non l’avrebbero potuto fare per l’assenza dei Reparti di rianimazione. Nemmeno al Coq, dove questo è presente per legge, non è previsto che funzioni 24/24 e 7/7 come nel pubblico, perché non supportato da un Dea. Quindi è una plateale mistificazione del nostro consigliere regionale, considerare una copertura ospedaliera di fatto inesistente come se questa ci fosse davvero. Non esiste Italia una struttura privata dotata di Dea che è il marchio che definisce cosa sia un ospedale. Questo lo sanno tutti ma qui viene strumentalmente ignorato. Una spudorata bugia che si spera venga creduta dai cittadini.
Un contorto ragionamento intriso di falsità per cercare di dimostrare spudoratamente che ha senso costruire in Ossola un “ospedalino elettorale” da 250 posti letto lasciando a disposizione del sud della provincia nemmeno un Pronto soccorso ignorando il diritto alla salute di 100.000 residenti e 2 milioni di presenze turistiche. Questi stessi ricercatori che annualmente redigono il “Rapporto sulla qualificazione edilizia e funzionale degli ospedali pubblici regionali” nel 2020 hanno scritto che “sia il Castelli che il San Biagio, per la loro obsolescenza, non sono più recuperabili alle funzioni sanitarie richieste oggi per cui non è conveniente usare risorse per il loro recupero”. Nel piano IRES si parla invece di un recupero del Castelli per destinarlo ad un radioso futuro multispecialistico di ignoti contenuti. Non sarà per caso l’innovativo “polo radiologico” proposto dalla nostra onorevole verbanese? Una comica intuizione!
Al Castelli non vi sarà alcun DEA. Nonostante il blaterare continuo sulla sua garantita presenza, questa verità si evince leggendo il documento IRES: “La specializzazione d’eccellenza dell’ospedale di Verbania (che continua comunque a rimanere un ospedale multispecialistico) richiederà la definizione di strategie per l’indirizzamento rispetto ai percorsi che avranno accesso prioritario a Domodossola”.
In questo senso fa un certo effetto leggere che l’opposizione in consiglio comunale a Verbania dopo essersi spesa recentemente per ottenere il ripristino della funzionalità pre Covid al Castelli,  dia una lettura positiva di questo imbroglio, ma soprattutto ci piacerebbe sapere su che cosa lorsignori fondano la certezza che ci sia al Castelli un Dea di primo livello, perché nel documento IRES non c’è scritto. Basta leggere. È sconfortante che dopo 75 anni dalla promulgazione della nostra Costituzione si sia ancora costretti a lottare per l’applicazione dell’articolo 32, contro coloro che in nome di chissà quale principio, continuano a negare la parità nell’accesso a questo diritto che tutela la salute di tutti e non di una sola parte dei cittadini.
Se la volontà del più forte prevale sull’interesse di tutti …. beh, concludete voi la frase.

Nelle foto Sau, Finocchiaro De Lorenzi, Alba e la recente mobilitazione al Castelli

  1. Bernardino Gallo 6 Maggio 2021, 10:35

    Pericoloso continuare sulla vecchia strada del campanilismo. Occorre essere uniti e difendere le strutture esistenti in un’ottica nuova e non superatissime come quelle dell’IRES.

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com