COMITATO SALUTE VCO: “PER I PRESIDI SANITARI FORSE E’ LA VOLTA BUONA”

COMITATO SALUTE VCO: “PER I PRESIDI SANITARI FORSE E’ LA VOLTA BUONA”

Sulle vicende dei presidi sanitari nel territorio riceviamo dal Comitato Salute Vco e pubblichiamo:

Che il territorio debba essere presidiato con efficienza ed efficacia lo diciamo ormai da tempo quasi immemorabile, senza mai stancarci di riproporre un problema che, a giudicare da quanto seppur lentamente sta avvenendo, ci incoraggia a continuare nella battaglia perché si realizzi quanto previsto dalla legge “Balduzzi” del 2012.

I segnali di questi ultimi tempi sono interessanti: alla ormai storica presenza a Cannobio di un punto sanitario importante, l’avvio ad Omegna di un presidio vicino  all’Ospedale e l’apertura a Crevoladossola di una nuova A.F.T. si è aggiunta qualche settimana fa la decisione di aprire un presidio anche nell’ex ospedale di Premosello.

Non solo. Con il presidio di Omegna già operativo 24 ore al giorno si sta realizzando un servizio ai cittadini del tutto nuovo, che porta a compimento ciò che il legislatore aveva stabilito.  Un giudizio superficiale potrebbe far concludere che è stato surrettiziamente ripristinato il punto di primo soccorso, ma non è così. Ciò che si realizza a Omegna, grazie ai Medici di famiglia, ha un valore di molto superiore; non si fa solo una diagnosi, ma si realizza la “presa in carico” dei pazienti, punto di inizio del percorso di cura, lungo o breve che sia.

Manca all’appello solo Verbania, ma ci hanno assicurato che entro fine anno potrà iniziare finalmente una prima attività.

Ricordiamo che questa riforma è stata pensata anche in funzione di una riduzione dei cosiddetti “codici bianchi” che affluiscono giornalmente ai D.E.A., per restituire alle attività ospedaliere il loro ruolo specifico di cura delle acuzie e che il nuovo modello organizzativo della sanità territoriale ha la funzione principale di prevenire le patologie croniche e di curare in modo più puntuale e adeguato coloro che le hanno già.

Solo così il nuovo ospedale di Ornavasso potrà svolgere pienamente la funzione per la quale è stato pensato e voluto; ma è indispensabile accelerare al massimo i tempi della sua realizzazione.

 

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.