FEDERALBERGHI VCO: ECCO COME FUNZIONA IL BONUS VACANZE

FEDERALBERGHI VCO: ECCO COME FUNZIONA IL BONUS VACANZE

L’Agenzia delle Entrate ha fornito le indicazioni per richiedere e utilizzare il bonus vacanze, contributo previsto dal decreto “Rilancio” per le famiglie che intendono trascorrere le vacanze in Italia.  Federalberghi dal canto suo, con il supporto dell’Istituto ACS Marketing Solutions, ha realizzato un’indagine su un campione rappresentativo della popolazione italiana, per sondare gli umori del mercato che sembra aver apprezzato la novità e sta attivando due filoni di iniziative per promuovere l’utilizzo del bonus. Sul portale di Federalberghi (www.italyhotels.it) sarà disponibile a breve l’elenco delle strutture turistico ricettive italiane disponibili ad accettare i bonus. Sono inoltre allo studio accordi con il sistema bancario, per agevolare la conoscenza del nuovo istituto e delle procedure che gli albergatori dovranno seguire per ottenere il rimborso dei buoni da parte del sistema bancario.  Proprio oggi nell’ambito degli Stati Generali dell’Economia, Federalberghi rammenta al Governo la necessità di irrobustire le misure di sostegno previste dal decreto Rilancio per il turismo.

Intanto Federalberghi Vco precisa come funziona il Bonus Vacanze:

  • Il “Bonus vacanze” è un contributo destinato alle famiglie che effettuano un soggiorno presso una struttura ricettiva italiana, prenotando direttamente.
  • L’importo è modulato secondo la numerosità del nucleo familiare: 500 euro per nucleo composto da tre o più persone; 300 euro da due persone; 150 euro da una persona.
  • Possono ottenerlo i nuclei familiari con ISEE fino a 40.000 euro.
  • Il bonus potrà essere richiesto e sarà erogato esclusivamente in forma digitale, mediante una APP e potrà essere speso presso le strutture ricettive italiane dal 1° luglio al 31 dicembre 2020.
  • Per poter utilizzare l’agevolazione è necessario verificare preventivamente con il fornitore del servizio turistico che aderisca all’iniziativa e accetti il bonus.
  • Il bonus può essere utilizzato da un solo componente del nucleo familiare, anche diverso dalla persona che lo ha richiesto, può essere speso in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica ricettiva in Italia.
  • E’ fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore; il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta, in sede di dichiarazione dei redditi, da parte del componente del nucleo familiare a cui viene fatturato il soggiorno (con fattura elettronica o documento commerciale).

Lo sconto applicato come “Bonus vacanze” sarà rimborsato all’albergatore sotto forma di credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione, o cedibile anche a istituti di credito.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.