IL LEGHISTA LUIGI AIROLDI VERSO LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE

IL LEGHISTA LUIGI AIROLDI VERSO LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE

Suscitano immediate reazioni politiche sia in maggioranza che tra le opposizioni le voci secondo cui sarebbe cosa fatta l’accordo fra il sindaco Silvia Marchionini e la Lega sulla nomina di Luigi Airoldi alla presidenza del consiglio comunale lasciata libera dalle dimissioni di Giandomenico Albertella. Una manovra dettata  da esigenze di garantire equilibri politici pure tra parti che appaiono assai distanti tra loro, ma che non manca al tempo stesso di suscitare mugugni o esplicite riserve tra i partiti di ogni schieramento, anche non ci sono al momento dichiarazioni o prese di posizione ufficiali.  Airoldi è rimasto con Michael Immovilli consigliere della Lega nell’assemblea di Palazzo Flaim dopo che gli altri tre eletti l’anno scorso hanno preso le distanze dal partito del Carroccio.  Nella lunga militanza politica è stato sindaco di Bèe, assessore provinciale e comunale di Verbania, presidente della Comunità Montana Alto Verbano nonchè di Saia.

Nella foto Luigi Airoldi

 

  1. renato brignone 18 Novembre 2020, 11:10

    Una bella furbata, così spacca definitivamente il centrodestra (mettendo nel ruolo che fu di Albertella il suo rivale politico d’area), evita di avere un presidente davvero bravo come Damiano Colombo, crede legittimamente di garantirsi quel minimo di “tranquillità” fino a fine legislatura… e naturalmente tutto ciò contribuirà a tenere il dialogo (vero) ben lontano dal Consiglio Comunale e a poter continuare ad incolpare le minoranze per questo. Una vera mossa strategica
    Se questa operazione andrà in porto faccio un pronostico: lo faranno fuori prima di fine legislatura, perchè il personaggio temo non abbia le capacità, e legittimeranno il “tenersi la cadrega nella propria area politica”. Un peccato, perchè una buona presidenza farebbe bene a tutti.

    Reply
  2. ma Fratelli d’Italia ha un solo consigliere che ovviamente é anche capogruppo. Il Presidente e il vicepresidente del Consiglio non possono esser capogruppo e inoltre se Colombo fosse Presidente assisteremmo ancora alla stucchevole prova data da Albertella: scendere dallo scranno della Presidenza (lasciata al vicepresidente) e fare intervento da “consigliere”….

    Reply
  3. Art.6, comma 4 del Regolamento consiglio comunale: “la carica di Presidente é incompatibile con quella di capogruppo…” quindi occorrerebbe fare una modifica del Regolamento. Inoltre tutti conosciamo la preparazione su tutti gli argomenti sia di Colombo che di Campana non penso che rinuncerebbero ad intervenire e dare il loro apporto sul “merito” di pressoché tutti gli argomenti in trattazione e per farlo devono tornare a fare il Consiglere ed intervenire dal parterre e quindi lasciare la Presidenza al Vice: no, non sono d’accordo: a me non é per nulla piaciuto (e penso anche ad altri Consiglieri) quando a fare questo periodico “trasloco” è stato Albertella…

    Reply
    • concordo col tuo pensiero, ma la mia proposta mirava a capire come mai l’unico pentastellato eletto in consiglio comunale si sia eclissato. Almeno, in questo modo, avrebbe avuto un po’ di risalto, uscendo dall’anonimato.

      Reply
  4. Ma le “voci” chi le ha messe in giro? Sembrerebbe una replica del metodo Casalino, faccio filtrare notizie, vedo le reazioni e poi accomodo tutto. Poi penserei di più ai silenti signorsì del Pd.

    Reply
    • Ognuno fa naturalmente le valutazioni che ritiene opportune. Vero che mancano conferme in dichiarazioni ufficiali, ma altrettanto vero è che a queste “voci” non ha fatto seguito alcuna smentita da nessuna parte politica ….

      Reply
    • sai come si dice? Fate vobis!

      Reply

Lascia un commento a Giorgia Cancella il commento

La tua email non sarà pubblicata.