IL MIRACOLO DI GUADALUPE NELL’ULTIMO APPUNTAMENTO CON I “CAFE’ TEOLOGICI”

IL MIRACOLO DI GUADALUPE NELL’ULTIMO APPUNTAMENTO CON I “CAFE’ TEOLOGICI”

Con l’appuntamento di sabato 14 maggio alle ore 20.45 all’Oratorio San Vittore  sul tema “Tracce di Dio nel mondo: la Madonna di Guadalupe”, giunge al termine anche la quarta stagione dei Café Teologici. Si chiude con un appuntamento in cui  con il relatore Marco Fasol si cerca di scoprire tutti i misteri e i segreti legati alla Madonna di Guadalupe e alle sue apparizioni. Nel dicembre del 1531, nei dintorni di Città del Messico, Maria è infatti apparsa più volte a Juan Diego, un agricoltore azteco convertito al cristianesimo. Sul mantello (detto “tilma”) utilizzato da Juan Diego apparve improvvisamente l’immagine di Maria, che convinse il Vescovo della veridicità del miracolo. Diversi esami e ricostruzioni eseguiti dal 1666 ai giorni nostri non riescono a spiegare scientificamente come possa essersi prodotta l’immagine di Maria sul mantello. Certamente l’immagine non è stata dipinta, e si è conservata perfettamente nonostante il caldo e l’umidità che dovrebbero causare, nel giro di 10-20 anni, il totale deperimento della fibra di agave di cui è costituito il mantello (le varie copie fatte sperimentalmente sullo stesso tessuto si sono infatti deteriorate nel giro di pochi decenni). Non solo, ma diversi esperti ritengono che, ingrandendo le pupille dell’immagine di Maria impressa sul mantello, si veda riflessa la testa di Juan Diego, e (secondo alcuni) anche di altri personaggi.

Nelle foto il Papa davanti alla Madonna di Guadalupe lo scorso 14 febbraio 2016 e il relatore Marco Fasol.

Marco Fasol

Marco Fasol

 

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.