IL RITORNO DELL’IBIS EREMITA

IL RITORNO DELL’IBIS EREMITA

Nel mese di maggio 2020 alcuni esemplari di Ibis Eremita sono giunti su Lago Maggiore e Lago di Varese e hanno sostato per diversi giorni su un territorio tra Piemonte, Lombardia e Svizzera. I loro spostamenti sono tracciati da un GPS e i ricercatori possono così monitorarli costantemente.  Questi primi esemplari potrebbero rappresentare un possibile ritorno stabile di questa specie.  Del resto l’Unione Europea sovvenziona la reintroduzione dell’Ibis Eremita nell’ambito del programma finanziario Life+, che ha una durata di sei anni. L’obiettivo è proprio quello di reintrodurre una specie migratrice ormai quasi estinta affinchè torni a far parte dell’avifauna europea. Il progetto si basa su un esperienza di studio decennale e mira anche ad applicare estensive misure preventive contro il bracconaggio sull’Ibis Eremita in Italia.  In effetti in altre parti d’Italia accanto a segnalazioni della presenza di questa specie vi sono anche quelle di episodi di bracconaggio.


L’Ibis eremita è una specie migratrice di cui pochi memoria perché estinta in Europa dal XVII secolo a causa della pressione venatoria. Oggi l’Ibis eremita è una delle specie maggiormente minacciate a livello mondiale. La difficoltà nel reintrodurre una specie migratrice è enorme: come farle apprendere una rotta migratoria se non ci sono altri individui da seguire?  L’uomo deve improvvisarsi come guida in questo primo volo e per seguirlo gli animali devono vederlo come un elemento della propria specie. Serve quindi un imprinting iniziale e da quel momento in poi gli uccelli seguono i loro genitori adottivi ovunque, anche se uno di questi si siede su un ultraleggero e vola davanti a loro fino alla laguna di Orbetello, luogo di svernamento.  Negli anni sono state create anche delle colonie stanziali ma questo progetto è unico proprio perché cerca di riportare la specie alla sua natura di migratore dall’Europa centrale all’Italia. 

Dalla pagina Facebook  Palude Brabbia Oasi LIPU –  Foto Giorgio Trespioli

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.