ITALIA NOSTRA CHIEDE FONDI PER IL RECUPERO DI PARCHI E GIARDINI DEI LAGHI E DELL’OSSOLA

ITALIA NOSTRA CHIEDE FONDI PER IL RECUPERO DI PARCHI E GIARDINI DEI LAGHI E DELL’OSSOLA
RECUPERO-VALORIZZAZIONE-GESTIONE DEI PARCHI E GIARDINI DI PROPRIETA’ PUBBLICA DELLA COSTA PIEMONTESE DEL LAGO MAGGIORE, DEL LAGO D’ORTA E DELL’OSSOLA.  E’ questo il tema della richiesta di finanziamento attraverso il ricorso al Recovery Fund che avanzano le Sezioni locali del Vco e di Novara di ITALIA NOSTRA, sostenute dal consiglio regionale dell’associazione. Le proprietà pubbliche in questione in origine erano tutti parchi di villa storiche e ora, salvo eccezioni, languono. Si sono considerate 13 di queste proprietà, che insieme occupano una superficie di quasi 40 ettari e che si vorrebbe veder ritornare a nuova vita, tutte unite in un progetto di recupero straordinario, finalizzato ad una loro messa in rete in un nuovo percorso turistico/culturale. Il piano è ambizioso e per andare a buon fine deve, prima di tutto, riuscire a trovare nella risorse del Recovery i poco più di tre milioni di euro che si chiedono e poi, per nulla scontata, la volontà degli Enti proprietari di unirsi nel comune progetto.    L’elenco non comprende soltanto beni che interessano le coste dei due laghi, ma anche aree collinari e montane delle due province Novara e Vco: Villa Conelli a Belgirate, parco di Villa la Palazzola a Stresa, sempre a Stresa giardino botanico Alpinia, Villa Nigra a Miasino, Villa Fedora di Baveno, sempre a Baveno giardino di Villa Mussi, Villa Cavallini a Lesa, museo e serre di Villa Faraggiana a Meina,  Villa Giulia, Villa San Remigio e Villa Maioni a Verbania, Villa Bernocchi a Premeno e Villa Caselli a Masera .
Nelle foto Villa San Remigio, Villa Giulia e Villa Maioni

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.