LETTERALTURA: IL PROGRAMMA DI SABATO 28

 

I Giovani Musicisti Ossolani hanno allietato la cerimonia inaugurale

Dopo l’inaugurazione di ieri pomeriggio nello splendido scenario dei Giardini di Villa Taranto, gli appuntamenti di Letteraltura 2014 entrano nel vivo. Abbiamo già pubblicato il programma della giornata odierna, ecco ora di seguito quello di domani, sabato 28 giugno.

10.00 – 12.00 La Casa del Lago, Via Cavallotti, 16

Alla scoperta dell’ecosistema: dal micro al macro

per bambini dagli 8 agli 11 anni

Laboratorio a cura de La Casa del Lago

Laboratorio a numero chiuso.

Per prenotazioni LetterAltura +39 0323 581233

Tutti biologi in erba con le lenti di ingrandimento, gli stereoscopi e i microscopi, osservando alcune componenti abiotiche e gli adattamenti alla vita e all’ambiente di particolari organismi. Partendo dall’osservazione degli “abitanti” più piccoli del nostro pianeta, i batteri, passeremo poi al plancton, ai muschi, ai licheni e infine ai pesci e agli uccelli, per scoprire i micro-macro mondi divertendoci.

 

15.00 – 16.00 Sala Rosmini dell’Hotel Il Chiostro

Le vette della scienza. La nuova mappa dell’universo

Incontro con Marco Bersanelli

Evento gestito e condotto dagli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Lorenzo Cobianchi di Verbania

“La conoscenza scientifica è una manifestazione di quell’inguaribile tendenza dell’uomo a domandarsi il “perché” delle cose, mai sazio di risposte parziali”. L’astrofisico Marco Bersanelli, tra i principali protagonisti della missione spaziale Planck dell’ESA, fondamentale nel delineare una nuova mappa dell’universo, risponde alle domande degli studenti dell’indirizzo Scientifico Tecnologico dell’Istituto Cobianchi.

 

15.00 – 16.00 Società Operaia

Il paradiso perduto tra le Ande e l’Amazzonia

Incontro con Anna Maspero

Alla scoperta della Bolivia, una terra racchiusa fra le Ande e l’Amazzonia cui la Pachamama ha regalato alcuni fra i paesaggi più spettacolari del pianeta. Un viaggio esplorativo, accompagnati dalle immagini e dalle parole della scrittrice e viaggiatrice Anna Maspero, tra le distese giallo oro dell’altopiano, il bianco accecante e lunare dei salares, le centinaia di lagune nelle cui acque popolate dai fenicotteri si riflettono le cime innevate dei vulcani, le selve tropicali e le savane orientali dalla natura esuberante.

 

15.00 – 16.00 Chiostro dell’Hotel Il Chiostro (Pioggia Auditorium)

Destinazione Africa: viaggio nel futuro. L’Africa oggi, in perpetuo movimento

Marco Aime e Riccardo Barlaam in dialogo

Evento in collaborazione con eni, cultura dell’energia energia della cultura

Viaggio nell’Africa sub sahariana, tra Mali, Burkina Faso e Benin, guidati dall’antropologo Marco Aime e dal giornalista Riccardo Barlaam. Molti anni di incontri e di esperienze vissute sul campo permettono di disegnare un quadro della società africana attuale, caratterizzata perlopiù da una “leggerezza” che si contrappone alla grevità della nostra società ricca, e che oggi più che mai rappresenta una lezione di adattamento e di strategie per la sopravvivenza.

 

15.30 – 17.30 Parco di Villa Maioni (Pioggia Biblioteca Civica Pietro Ceretti)

Evviva le pecore!

per bambini di tutte le età

Laboratorio di cardatura e tintura della lana a cura di Maria Vittoria Maulini

Evento in collaborazione con la Biblioteca Civica Pietro Ceretti

Nel verde Parco di Villa Maioni attività ricreative e didattiche per avvicinare i bambini al mondo della montagna, alla natura e all’avventura. Guidati dalle mani esperte e dagli insegnamenti di Maria Vittoria Maulini, e aiutati da una vasca per il lavaggio, una cardatrice, un filarello e un telaio,

impareremo a cardare e a filare la lana di pecora come si faceva una volta. E con noi ci saranno pecore vere!

 

16.30 – 17.30 Società Operaia

Un orso e un uomo, una storia d’amicizia

Giuseppe Festa dialoga con Daniela Fornaciarini

Una storia che parla di amore e avventura, di coraggio e di fragilità, di orsi e di uomini, di bracconieri e interessi economici ma anche di guardaparco e determinazione nel difendere la natura e gli animali; tutto nel più antico parco italiano, il Parco Nazionale d’Abruzzo. Di questo e altro ancora ci narrerà lo scienziato Giuseppe Festa che da anni presta volontariato tra le montagne abruzzesi, a stretto contatto con i guardaparco, dove ha imparato a conoscere e amare gli orsi.

 

16.30 – 17.30 Sala Rosmini dell’Hotel Il Chiostro

Le vette della scienza. Il cambiamento climatico

Incontro con Martin Beniston

Evento gestito e condotto dagli studenti del Liceo Classico e Scientifico B. Cavalieri di Verbania

In un territorio peculiare come il nostro, di lago e montagna, che impatto hanno, nell’immediato e in una prospettiva più ampia, i cambiamenti climatici? Il climatologo inglese Martin Beniston affronta l’attualissimo argomento, incalzato dai quesiti e dalle curiosità dei ragazzi del liceo scientifico di Verbania che, durante l’anno, si sono occupati del progetto “Il clima cambia. Noi cambiamo?”.

 

16.30 – 17.30 Chiostro dell’Hotel Il Chiostro (Pioggia Auditorium)

Le montagne e l’identità italiana

Marco Armiero dialoga con Luciano Caveri

Guidati dallo storico dell’ambiente Marco Armiero esploreremo le relazioni tra l’identità italiana e le montagne: una storia fatta di appropriazione e resistenza, di modernizzazione e marginalità, troppo spesso cancellata dalle narrazioni ufficiali. Un excursus dai campi di battaglia della Prima

Guerra Mondiale alla contraddittoria politica di rimboschimento del regime fascista, compressa tra celebrazione e repressione dei montanari, dalle proteste dei NO TAV in Val di Susa alla modernizzazione idroelettrica che, cinquant’anni fa, portò alla “strage annunciata” del Vajont.

 

17.30 – 19.00 Biblioteca Civica Pietro Ceretti, Villa Maioni

Nel paese dei mostri selvaggi

Laboratorio di Andrea Longhi

per bambini dai 3 anni in su

Evento in collaborazione con la Biblioteca Civica Pietro Ceretti

Laboratorio e rappresentazione teatrale interattiva tratta dall’omonimo capolavoro di Maurice Sendak. Le avventure immaginarie del piccolo Max, che con la fantasia trasforma la sua cameretta in una foresta lussureggiante e incontra i famosi mostri selvaggi Aaron Bernard, Emil, Moishe e Tzippy, diventandone il loro re e dando inizio a un ballo selvaggio di gruppo.

 

17.45 – 18.45 Chiostro dell’Hotel il Chiostro (Pioggia Auditorium)

Faccia a faccia con “il mago”

Manolo dialoga con Mirella Tenderini

Manolo, tra i pionieri dell’arrampicata libera in Italia nonché uno dei volti più noti di questo sport, si mette a nudo. Dagli inizi, a soli 17 anni, all’evoluzione tecnica che lo porta all’utilizzo di appigli sempre più piccoli, in equilibri molto precari con protezioni spesso esclusivamente “psicologiche”, enfatizzando così l’arrampicata globale, non solo fisica ma anche mentale.

 

17.45 – 18.45 Palazzo Flaim

Architettura alpina. Il rifugio Francesco Gonella e 3 rifugi nelle alpi svizzere a confronto

Nicola Baserga, Antonio Ingegneri e Erica Ribetti in dialogo

Evento in collaborazione con l’Ordine degli Architetti del VCO

Il Rifugio Francesco Gonella domina Courmayeur da 3.070 metri di altitudine. Costruito nel 1891, per facilitare l’ascesa al Monte Bianco dal versante italiano, era all’inizio una semplice capanna di legno. Nel 2009 è stato completamente ricostruito e, oltre a offrire nuove funzioni di accoglienza in ambiente alpino di alta quota, è un esempio di gestione razionale del Cantiere, di basso consumo energetico, d’integrazione con il contesto geomorfologico e paesaggistico circostante.

Lo studio Baserga-Mozzetti, di Muralto (Ticino), racconta l’avventura del costruire in alta quota. Tre interventi a confronto sul tema Rifugio Alpino, tre modi diversi di intervento, tre contesti straordinari, affrontati con un denominatore comune: indagare il rapporto tra costruito e natura alpina.

sabato 28 giugno Verbania

17.45 – 19.00 Sala Rosmini dell’Hotel il Chiostro

Lo scarico

Rappresentazione multimediale della pièce Désalpe.

Incontro con Antoine Jaccoud e Daniel Bilenko

E quella volta che la mamma s’è seduta sul letame? I calzoni tutti conci. Quanto abbiamo riso, quella volta. E quella volta del ragazzo col tetano? Morto stecchito nel letto. Quanto abbiamo pianto, quella volta. E quella volta della valanga che – BADA BUM! Tutto aveva tirato giù. E la colata di fango. E l’inondazione. Ne abbiamo viste delle belle, altro che balle. Comincia così, con le Storielle d’in su, la pièce Lo scarico dedicata alla vita in montagna, alla neve, ai ghiacciai, ai sentimenti di un tempo, che viene qui proposta in un’atmosfera di intimità, attraverso le immagini d’archivio della RSI e l’ascolto in cuffia.

 

19.00 – 20.00 Chiostro dell’Hotel Il Chiostro (Pioggia Auditorium)

Le donne dello Yemen e la rivoluzione silenziosa

Ugo Bertotti e Raffaella Zavalloni in dialogo con Marina Gersony

Si chiamano Sabiha, Hamedda, Aisha e sono le donne invisibili dello Yemen. Costrette al matrimonio da bambine, schiavizzate, violentate, a volte uccise eppure indomite, fiere e tenaci nella lenta lotta per l’emancipazione, perché nelle aride terre intorno a Sana’a si stanno piantando i semi del cambiamento. In una straordinaria opera di graphic journalism, un ibrido fra fumetto, fotografia, inchiesta e biografia, l’illustratore Ugo Bertotti mette in scena le loro storie.

 

19.00 – 20.00 Sala Rosmini dell’Hotel Il Chiostro

Il volto duro della montagna

Noëlle Revaz dialoga con Maurizia Balmelli

Evento realizzato con il sussidio di Pro Helvetia, Fondazione svizzera per la cultura

La montagna è la protagonista delle storie della scrittrice Noëlle Revaz. Svizzera francese, cantone di Vaud; al centro delle vicende un montanaro padre padrone che ama più le sue mucche che non la moglie e i figli, le asprezze di un mondo rurale così distante dalla metropoli, sentimenti elementari e primitivi, a volte perfino rozzi e rudi, e una vita che in fondo poco si discosta da quella delle bestie. Un piccolo mondo chiuso, dove scarsi sono i rapporti con l’esterno, che si crogiola in una sospensione fuori dal tempo.

 

20.30 – 21.30 Piazza Fasana (Pioggia Auditorium dell’Hotel Il Chiostro)

Mamma, papà oggi vi porto a teatro. Gelsomino nel paese dei bugiardi

Operetta in un atto

Biglietti: ingresso € 10.

Ingresso ridotto per genitori accompagnati dai figli € 5.

Spettacolo di Atelier la Voce dell’Arte realizzato in collaborazione con LetterAltura

Gelsomino nel paese dei bugiardi è un romanzo che sotto la dimensione favolistica nasconde una satira corrosiva, quasi Rodari volesse lanciare unmonito contro qualunque forma di potere assoluto, che, attraverso l’imposizionedell’omologazione, disumanizza le persone fino a trasformarle inesseri vuoti e “non pensanti”. Narra di un bambino che possiede una vocestraordinaria, così speciale e potente da riuscire a mandare in frantumi ivetri solo sussurrando. Costretto ad andarsene, viene introdotto dal gattoZoppino alle stranezze del “paese dei bugiardi”. Qui, un vecchio piratanominato re ha stravolto il vocabolario, ogni cosa prende un nuovo nome.Ma alla fine, Zoppino e Gelsomino faranno trionfare la verità. Seghedoniper raccontare quest’avventura ricorre ad atteggiamenti musicali molto vari(rock, musical, opera lirica) per rendere la “favola” astratta e divertente.

 

Alla fine dell’operetta trasmissione della partita dei Mondiali di calcio Brasile 2014 su maxi schermo.

 

20.30 – 9.00 La Casa del Lago, Via Cavallotti, 16

Notte al museo

per bambini dagli 8 ai 12 anni

Evento gestito e organizzato da La Casa del Lago

Evento a numero chiuso. Per prenotazioni +39 0323 53814

Costo di partecipazione € 10.

Cosa c’è di più divertente e avventuroso di una notte passata al museo? L’esperienza, vissuta rigorosamente senza mamma e papà, inizia alle 20.30 e prosegue con laboratori e attività animate dagli operatori della Casa del Lago. Si creerà l’atmosfera adatta a trascorrere una notte tra mille emozioni, in compagnia di una banda di coraggiosi.

L’avventura termina al mattino alle 9.00, naturalmente dopo un’abbondante prima colazione.

Per la notte ogni bambino dovrà portare: il suo pigiama, un sacco a pelo e un piccolo cuscino, lo spazzolino da denti, un asciugamano, la tazza per la colazione, una torcia e, soprattutto, un suo libro cui è molto legato da far conoscere ai nuovi amici. Non dimenticate di portare tanta voglia di giocare e di divertirvi e un po’ di spirito di avventura.

 

21.00 – 23.00 Biblioteca Civica Pietro Ceretti, Villa Maioni

Sister

Incontro con lo sceneggiatore Antoine Jaccoud

Evento in collaborazione con la Biblioteca Civica Pietro Ceretti

Anteprima della rassegna cinematografica all’aperto Bello raro

Il dodicenne Simon e sua sorella Louise vivono in Svizzera nelle case popolari del cantone Vallese, sulle Alpi. Simon mantiene entrambi rubando l’attrezzatura sportiva ai ricchi sciatori in vacanza, per poi rivenderla. Simon e Louise, pur faticando a trovare un punto di contatto, non possono fare a meno uno dell’altra, come è evidente dallo sguardo che i due, cercandosi, si scambiano dalle cabine della funivia che vanno in direzioni opposte nella scena finale.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.