M5S: LA SOMMOSSA POPOLARE, L’INTERESSE PRIVATO E IL BENE PUBBLICO

M5S:  LA SOMMOSSA POPOLARE, L’INTERESSE PRIVATO E IL BENE PUBBLICO
Dal Movimento 5 Stelle Verbania riceviamo e pubblichiamo:
Un nuovo supermercato nell’area Esselunga-Lidl è quanto si prospetta nel secondo mandato dell’amministrazione Marchionini. Parliamo dell’area ex Hillebrand, vicino alla rotonda Esselunga-Lillapois, terreni prima accatastati come uso floricolo resi edificabili dall’allora giunta Zacchera.
Nel penultimo mandato targato PD, abbiamo visto realizzare il supermercato Lidl, non senza qualche polemica, soprattutto sul contesto che si andava a creare alle porte della città turistica. In quel caso però si andava effettivamente a riqualificare un’area, se non proprio degradata, quantomeno “dismessa”.
Oggi invece, a pochi giorni dall’annuncio di volere, giustamente, il rifacimento del Piano Regolatore della nostra città, ci si trova davanti ad un caso emblematico: una nuova costruzione laddove il terreno è ancora vergine, ovvero l’ex area floricola Hillebrand, con, a pochi metri, un’altra area, quella Acetati, che tutto è tranne che vergine. Non vogliamo fare polemiche sui supermercati, i posti di lavoro, il commercio. No, qui la questione è un’altra: la collocazione di tale struttura, l’opportunità di cementificare ulteriormente quando si può riqualificare.
A pochi passi abbiamo l’Acetati, un’area ex industriale, inquinata, da bonificare, con capannoni industriali da riconvertire e che trascina con sé tutte le criticità, dove si parla di progetti green, di creare spazi verdi pubblici in quello che è ormai di fatto parte del centro della città di Verbania e, girato l’angolo, si vuole cementificare un’area che ad oggi è ancora veramente potenzialmente green. Tutto ciò pare avere dell’assurdo se si pensa che vi sono state anche decine di riunioni, concorsi, dibattiti, per valutare la miglior destinazione, il miglior riutilizzo dell’area industriale.
Sappiamo che in questo caso non è colpa dell’attuale amministrazione e che l’interesse privato fa a pugni, molte volte, con l’interesse pubblico, ma è giunto il momento di mediare. Se tale destinazione urbanistica è frutto delle scelte sbagliate dell’allora giunta Zacchera in cui ricade, se vogliamo, il “peccato originale”, ora chiediamo al Sindaco di farsi carico di queste responsabilità. Sappiamo che già sta facendo ma chiediamo di più: tratti con i privati affinché non si dia seguito agli errori del passato, si tratti per orientare i privati verso l’utilizzo di aree da riconvertire.
Nel prossimo consiglio comunale presenteremo un’interpellanza all’assessore Margaroli, per avere conferma dei margini di azione possibili, sia dal punto di vista tecnico (un progetto è già stato presentato) ma soprattutto politico. Chiediamo a tutti coloro che vogliono apportare osservazioni di segnalarle così da far sentire la propria opinione.
Speriamo che il Sindaco ma soprattutto l’assessore non pensi che serva solo la sommossa popolare, il consenso, per agire, ma che si lavori coerentemente col programma che questa amministrazione, in primis il PD, ha presentato ai suoi concittadini, che, ricordiamo, a pagina 20, art 5, cita testualmente: “Risulta inoltre ormai scontato che non sia possibile incrementare l’uso del suolo rimasto libero dall’ edificazione, occorre concentrarsi sul riuso e sulla valorizzazione del patrimonio edilizio esistente, con una particolare attenzione al tema del social housing”.
MoVimento 5 Stelle Verbania
  1. … ho poche speranze che il PD agisca nel rispetto del suo stesso programma che ha già disatteso nella variante 37, in cui ha cambiato suoli agricoli in edificabili, e in ciò , senza avere nemmeno la scusa delle giunte precedenti, e meno che mai di quella di Zacchera. Dal mio punto di vista, sono una vergogna… certo non è mai tardi per percorrere una strada migliore.

    Reply

Lascia un commento a renato brignone Cancella il commento

La tua email non sarà pubblicata.