NEL FINE SETTIMANA LA GARDENIA DI AISM

NEL FINE SETTIMANA LA GARDENIA DI AISM

Torna questo fine settimana la Campagna Nazionale La GARDENIA di AISM, appuntamento di primavera di raccolta fondi promosso dall’AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla – per finanziare i servizi che la sezione provinciale offre gratuitamente alle persone con sclerosi multipla del territorio – trasporti, sostegno psicologico, fisioterapia e attività fisica adattata –  e per sostenere la ricerca scientifica.  Quest’anno l’evento è il 7 e 8 marzo,  in concomitanza con la celebrazione della Festa della Donna,  e l’associazione  auspica che il classico omaggio dei rami di mimosa alle donne possa essere sostituito dall’offerta di una piantina di gardenia. I volontari saranno nelle principali piazze del Verbano Cusio Ossola e tra esse a Verbania quelle di Intra, Pallanza, Suna,  Fondotoce, Trobaso e nel resto del Vco Bee, Cambiasca, Stresa, Baveno, Domodossola, Villadossola, Cannero Riviera, Cannobio, Varzo, Crevoladossola, Valle Vigezzo, Valle Antigorio, Masera, Premosello, Piedimulera, Ornavasso, Mergozzo, Casale Corte Cerro, Crusinallo, Omegna, Gravellona Toce, Gignese., Arola, Cesara, Madonna del Sasso. Collaborano volontari di  Associazione Nazionale Vigili del Fuoco, Associazione Nazionale Bersaglieri, Associazione Nazionale Carabinieri, Croce Rossa Italiana, Associazione Nazionale Polizia di Stato e Associazione Nazionale Alpini.  Si uniranno gli studenti del Cobianchi, del Liceo Scientifico Spezia, del Liceo Cavalieri, delle scuole Medie Beltrami, Carmine, Fogazzaro, Ranzoni, Cadorna, Galileo Galilei.

A livello nazionale la Campagna si attiverà in oltre 4.000 piazze italiane, i volontari dell’AISM distribuiranno le ormai famose borsettine rosse con le piantine di Gardenie, il cui ricavato andrà ad alimentare la Ricerca Scientifica con l’obiettivo comune di vincere la sclerosi multipla, una grave malattia neurologica cronica, imprevedibile e progressivamente invalidante, che si manifesta per lo più tra i 20 e i 30 anni, colpendo le donne, con un rapporto di due a uno rispetto agli uomini e i giovani.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.