RIAPERTI DEA E RIANIMAZIONE AL CASTELLI. AVVISI DA ASL E NUOVO BOLLETTINO DALLA REGIONE

RIAPERTI DEA E RIANIMAZIONE AL CASTELLI. AVVISI DA ASL E NUOVO BOLLETTINO DALLA REGIONE

Da questa mattina sono nuovamente operativi il Dea e il reparto Rianimazione dell’ospedale Castelli, dopo l’intervento di sanificazione degli ambienti in seguito al passaggio di un paziente risultato positivo al primo test del coronavirus. Ancora chiuso il reparto di Medicina. Diversi  medici e infermieri del reparto sono in quarantena.

L’Asl Vco comunica che  l’attività di screening oncologico nell’ambito del programma regionale di “Prevenzione Serena” in relazione all’emergenza Covid-19 è stata rimodulata: sospesa l’erogazione delle mammografie e dei prelievi cervico-vaginali previsti per il primo livello di screening dei tumori della mammella e della cervice uterina; sospesa l’erogazione delle prestazioni di rettosigmoidoscopia di screening; mantenuti gli esami di approfondimento screening delle colonscopie di 2° livello per sangue occulto positivo o delle rettosigmoidoscopie risultate positive già eseguite.   Si ringraziano i cittadini per la collaborazione che sapranno assicurare in un momento in cui sono state assunte importanti decisioni allo scopo di contenere e meglio gestire l’emergenza da COVID-19, con l’obiettivo di ridurre la concentrazione di persone per limitare lo stazionamento degli utenti nelle sale di attesa.  I cittadini sono invitati a seguire le misure di prevenzione e gli accorgimenti indicati dagli Organi preposti per contenere eventuali contagi.

Intanto la Regione Piemonte aggiorna il bollettino dei contagi. Sono 135 le persone positive al test sul coronavirus in Piemonte: 47 in provincia di Asti, 31 nell’Alessandrino, 32 in provincia di Torino, 6 nel Vco, 3 in provincia di Novara, 2 nel Biellese, 7 nel Vercellese, 2 a Cuneo e 5 provenienti da fuori regione. Ottanta persone sono ricoverate in ospedale, 25 in terapia intensiva. In isolamento domiciliare 52 persone. Tre le persone decedute. Finora sono 666 i tamponi eseguiti in Piemonte, 445 dei quali negativi.  Il presidente Alberto Cirio rende noto che aumentano i posti di rianimazione negli ospedali del Piemonte: Siamo arrivati a 270 letti. Li abbiamo potenziati con caschi di ventilazione, che permettono di affrontare le crisi respiratorie. Per gestire la situazione abbiamo preso decisioni in autonomia, ma sempre consultando il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.