SULLA TAV UN INTERVENTO DELL’ALLEANZA CIVICA PER IL NORD

SULLA TAV UN INTERVENTO DELL’ALLEANZA CIVICA PER IL NORD

La lista “Con Silvia per Verbania” rende noto un comunicato di  Franco D’Alfonso, portavoce della neonata “Alleanza Civica per il Nord” di cui la lista civica verbanese è elemento costitutivo e rappresentativo,  esprimendo piena condivisione nel merito politico della questione sollevata dal dietrofront della Lega di Salvini sulla TAV all’indomani del voto contrario della base 5Stelle sul rinvio a giudizio del Ministro degli Interni sulla questione Diciotti.

LA LEGA DI SALVINI CEDE SULLA TAV AI 5STELLE SCARICANDO SUL NORD IL DANNO PROVOCATO.

 Il deposito della mozione a firma Lega Nord-M5S, che intende riportare al punto di partenza l’iter della TAV Torino-Lione,  fa definitivamente chiarezza sulla posizione della fu Lega Nord, oggi Lega Salvini: gli interessi e le istanze del Nord sono moneta di scambio sia sul piatto del cosiddetto “Contratto di governo”, sia su quello del contratto, non scritto ma evidente a chiunque, dello scambio tra il voto a favore di Salvini in Senato sulla vicenda Diciotti. Un patto che ha come sola spiegazione la spartizione di posti di potere fra due forze teoricamente e praticamente divise su tutto e il rinvio a dopo le elezioni europee di una questione cruciale per il M5S/No TAV. La presenza dissimulata nella piazza arancione delle madamin torinesi, il doppio gioco elevato a sistema dal Salvini sovranista, che si accoda al non governo e al pressappochismo pentastellato a Roma e visita i cantieri con selfie e dichiarazioni ad uso dei social dall’altro, appaiono adesso con grande chiarezza a tutti per quello che sono, un farsesco e malriuscito tentativo di ingannare i cittadini. C’è però un lato positivo, in questo desolante panorama: non ci possono essere più dubbi su quale sarà la posizione della Lega Salvini alle prossime elezioni regionali del Piemonte come a quelle europee e, si spera presto, anche a quelle nazionali. Sarà quella, già in essere, delle forze antimoderne, centraliste, incompetenti, antieuropeiste, che privilegiano il proprio interesse particolare rispetto a quello dei territori che dovrebbero governare, che hanno realizzato una innaturale alleanza con le forze del più retrivo assistenzialismo e immobilismo. Alleanza Civica del Nord sarà dall’altra parte rispetto a loro, al fianco dei cittadini, delle forze economiche e sociali, che credono nello sviluppo, nella modernità e nell’Europa.

 

  1. Per caso vi aspettavate qualcosa di diverso? Cosa non si farebbe pur di avere e mantenere una poltrona…..

    Reply
  2. Con Silvia per Verbania 1 marzo 2019, 3:03

    Ci aspettavamo il tanto millantato “cambiambeto” da un lato e “onestà” dall’altro, ma tant’è! Un patto, quello giallo-verde, che ha come sola spiegazione la spartizione di posti di potere fra due forze teoricamente e praticamente divise su tutto e il rinvio a dopo le elezioni europee di una questione cruciale per il M5S/No TAV

    Reply
    • diciamo che c’è stato un cambiamento in diversamente onesti, come ebbe a dire (e scrivere) un loro fan (o presunto tale, ammesso che lo sia ancora….), quando non erano ancora la casta sovranista ma solo populisti del NO.

      Reply

Lascia un commento a SINISTRO Cancella il commento

La tua email non sarà pubblicata.