VERSO UN CONVEGNO SULLA SASSONIA

VERSO UN CONVEGNO SULLA SASSONIA

Verbania Documenti – VB/doc – organizzerà il prossimo 11 ottobre al Circolo Zappelli di via Roma un convegno sulle eccellenze storiche del quartiere della Sassonia di Intra. Nel frattempo prosegue la pubblicazione di documenti e ricerche in vista di questo appuntamento: ecco  il capitolo scritto da Paola Giacoletti sulle vie della Sassonia come contributo culturale e storico al progetto di riqualificazione urbanistica del quartiere.

Il rione Sassonia è una piccola scacchiera ove le vie si incontrano ad angolo retto. Il termine Sassonia ricorda i sassi, i ciottoli di fiume del sostrato alluvionale che nella seconda metà dell’800 è stato bonificato per deviare, una volta per tutte, la Fiumeta, derivazione secondaria della foce del torrente San Bernardino. Sassonia, in verità, è anche il nome di uno stretto, corto e pittoresco vicolo in forte pendenza che collega via Rosmini con via Palestro, di fianco alla Scaleta.

Alla Sassonia è intitolato anche il moderno condominio  che ha sostituito il Casermun, in fondo alla via Rigola.

La Sassonia è delimitata dalla via Rosmini e dalle piazze Matteotti e don Minzoni a nord, mentre a sud è conclusa dall’argine con via Brigata Val Grande Martire ed è attraversata, a mo’ di decumano da via Roma. Si susseguono tante vie parallele al lungo lago Goffredo Mameli ( martire della difesa della Repubblica romana – 1849 – e autore dei versi dell’inno nazionale) che ricordano il Risorgimento. Una via ed un vicolo ricordano il generale Alfonso Lamarmora, protagonista di campagne militare di indipendenza e più volte ministro e Presidente del Consiglio.

Attigua a piazza Mercato si estende la piazza Fratelli Bandiera, i due ufficiali veneziani fucilati dall’esercito borbonico nel 1844 in seguito al fallimento di un’insurrezione in Calabria.

Si incontrano la breve via Magenta e la lunga via Palestro, entrambe battaglie della 2a guerra di indipendenza. Via Marsala e via Milazzo, locations dell’impresa dei Mille così come via Volturno e via Quarto.

In Sassonia sono anche ricordati cinque personaggi importanti per la storia d’Italia e di Verbania. Innanzi tutto i  martiri dell’antifascismo Giacomo Matteotti (socialista) e don Minzoni (sacerdote), a cui sono intitolate la piazza di fronte al porto e quella dove domina Giuseppe Garibaldi.

A Enrico Chippa, medico, antifascista e membro del CLN, benefattore degli intresi, è intitolata la via che mette in comunicazione la piazza don Minzoni con  la piazza Mercato.

A Luigi Rigola (1780-1861) sacerdote benefattore e presidente della Congregazione di Carità di Intra, è dedicata la via illustrata in un libro di Roberto Ballinari.

A Tommaso Perassi, giurista, membro della Assemblea Costituente, deputato repubblicano, originario di Zoverallo è intitolata l’ex via degli Orti.

 

Nella foto una immagine storica della Sassonia con il vecchio Teatro Sociale.

 

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.