CON SILVIA PER VERBANIA: ANCHE SPAZI IN ERBA SINTETICA RENDONO LE SCUOLE CITTADINE PIU’ SICURE, FUNZIONALI E ACCOGLIENTI

CON SILVIA PER VERBANIA: ANCHE SPAZI IN ERBA SINTETICA RENDONO LE SCUOLE CITTADINE PIU’ SICURE, FUNZIONALI E ACCOGLIENTI

Abbiamo riferito sulle polemiche accese dalla variazione  inserita al programma triennale delle opere pubbliche nell’ultimo consiglio comunale,  con una modifica resasi necessaria per poter partecipare a un bando regionale destinato a opere di miglioramento, messa in sicurezza, efficientamento energetico, ristrutturazione delle scuole dell’infanzia.  Una dura presa di posizione era giunta in particolare dal gruppo Una Verbania Possibile a proposito del progetto che l’amministrazione presenterà comprendente anche il posizionamento di manto sintetico in  cinque plessi scolastici. A tale proposito ecco ora un comunicato di replica diffuso dal gruppo Con Silvia per Verbania:

Come abbiamo avuto modo di dire in occasione del Consiglio Comunale del 7 giugno u.s.,   tempo fa la scuola dell’infanzia di Biganzolo e la elementare di Torchiedo chiesero alla Circoscrizione Verbania Est, di cui il nostro Capo Gruppo Claudio Ramoni faceva parte prima di essere nominato Consigliere Comunale),  di far pervenire al Comune la richiesta per la posa di erba sintetica in giardino, ove i bambini giocano, in sostituzione dell’erba naturale non più esistente per scongiurare la pericolosità delle radici affioranti e della terra con sassi oltre a ovviare alla problematica della igienicità dei bambini e all’inconveniente della sporcizia sui vestiti. In questo senso la richiesta fatta era tesa ad ottenere una maggior sicurezza per i bambini e per praticità e igiene.
La modifica al piano triennale delle opere pubbliche resasi necessaria per poter partecipare a un bando regionale destinato a opere di miglioramento, messa in sicurezza, efficientamento energetico, manutenzione straordinaria di aree esterne di alcune scuole dell’infanzia e primarie di Verbania, quindi, rientra in un ben preciso progetto di sicurezza ed efficientamento peraltro esplicitamente richiesto da molti plessi scolastici di Verbania, se non tutti, come appunto quelli del Quartiere Est.
A noi pare quindi quantomeno incoerente il comportamento di Una Verbania Possibile, gruppo che si definisce “ambientalista”, che prima non voti il PAES (Piano di Azione per l’Energia Sostenibile) di Verbania; poi presenti una mozione che contesti lo stesso PAES e i gazebo informativi PAES, predisposti dall’amministrazione tramite VCO Formazione Scral, per informare la cittadinanza sui sistemi di efficientamento energetico delle abitazioni private e sugli incentivi statali e comunali (http://www.comune.verbania.it/Servizi-al-cittadino/Ambiente/PAES-Contributo-comunale-per-l-efficientamento-energetico-degli-edifici-residenziali-e-dei-condomini) volti ad agevolare tale efficientamento, arrivando ad affermare che tali contributi comunali non fossero altro che propaganda politica, sul modello Bando Periferie e FESR, per poi essere puntualmente smentiti, in tutti i casi; faccia interpellanze per criticare le modalità con cui sono stati pensati ed individuati gli orti civici per poi indicarli a titolo di esempio per un’amministrazione virtuosa dalla vocazione verde. Per poi scagliarsi contro la scelta dell’amministrazione di posizionare nei plessi scolastici che ne hanno fatto esplicita richiesta manti di erba sintetica nelle aree esterne delle scuole, scelta peraltro indicata nel bando regionale come la migliore dal punto di vista della sicurezza e della praticità. A Verbania il manto erboso sintetico viene utilizzato da tempo in diverse strutture frequentate da bambini come ad esempio l’Oratorio San Vittore di Intra dove la scelta fu sia per l’area giochi che per il campo di calcetto, dove ogni giorno vi giocano bambini e ragazzi.
Crediamo certamente che far crescere i nostri figli nel verde e con spirito ecologico sia molto importante, e in tal senso questa amministrazione si è sempre attivata e distinta (11 orti sociali tutti assegnati, Presidenza dei giardini botanici di Villa Taranto, piano di rifacimento dei parchi gioco inseriti nel verde cittadino, nuovo piano di recupero quali-quantitativo dei rifiuti riciclabili, Bike Verbania e ciclopedonale Fondotoce-Suna per incentivare l’uso della bicicletta e molti altri progetti) ma crediamo sia altrettanto importante farli crescere in condizioni di sicurezza, fornendo peraltro alle scuole un supporto a basso impatto ambientale, di facile manutenzione e pulizia e i cui costi di gestione siano ridotti a zero.
Riuscire ad accedere ad un bando regionale che fornisca cospicui fondi destinati tutti all’edilizia scolastica significa poter mettere mano alle nostre scuole dal punto di vista della ristrutturazione, manutenzione ordinaria e straordinaria, efficientamento energetico e per un maggior livello di sicurezza per i bambini, questo si è fatto. Non ci sembra quindi si sia scesi a compromessi per ottenere fondi, a noi sembra invece che si sia colta un’importante occasione per poter rendere le scuole di Verbania dove crescono i nostri figli più sicure, funzionali e accoglienti.

  1. renato brignone 13 giugno 2018, 13:24

    Partiamo da un dato certo: La Commissione Lavori Pubblici si è espressa all’unanimità per i prati naturali nelle scuole, nel verbale della Commissione , che ripeto, si è espressa UNANIMEMENTE, si CHIEDE e IMPEGNA LA GIUNTA a “reinserire e privilegiare il fondo in erba naturale”.
    Non sfuggirà agli attenti “Cittadini con Silvia”, che a presiedere la Commissione c’era il segretario del PD Nicolò Scalfi e che loro erano presenti a quella Commissione, perchè non hanno obiettato nulla?

    Basterebbero le prime parole per cestinare tutto il loro comunicato, infatti sono FALSE!

    La scuola di Torchiedo non ha MAI CHIESTO L’ERBA SINTETICA e ciò che si è discusso in quartiere est lo potete trovare nel verbale che ho postato sul mio blog “verbaniafocuson”

    Reply
  2. potrebbe sempre intervenire qualche variazione in corso d’opera….. Poi, si sa, una polemica tira l’altra: dopo il palio remiero e le frecce tricolore, rieccoci!

    Reply
  3. bravissimo sinistro…facciamo porcate sperando in variazioni, e per sostenerle mentiamo dicendo che è la scuola che lo chiede, come il NOTISSIMO cerimoniale (inesistente) delle frecce tricolore 😀 😀 😀

    Reply
    • il fatto che non sia stato richiesto (credo per una questione di bon ton militaresco), non vuol dire che non esista….

      Reply
  4. Con Silvia per Verbania 14 giugno 2018, 6:44

    Notiamo che, appena si vien punti sul vivo, la si butta in caciara, con tanto di discorsi da tifoseria, conditi, come al solito, con abbondanti dosi di arroganza e autorefenzialità. Senza arrivare mai a proporre nulla di seriamente concreto e attuabile ma limitandosi a protestare e criticare, spesso a prescindere. Atteggiamento tipico di chi è a corto di argomentazioni di merito.
    Torniamo nostro malgrado ad intervenire per rispondere alle accuse rivolteci di asserire il falso per poi chiudere in modo da non alimentare ulteriori quanto inutili polemiche, unico terreno di confronto di certi soggetti.
    La richiesta da parte della scuola elementare Rodari di Torchiedo giunse all’attenzione della Circoscrizione Verbania Est dopo quella della materna di Biganzolo ma non fu discussa nei successivi Consigli di Quartiere, per cui non risulta verbalizzata, per il permanere dei dubbi sull’attribuzione delle competenze sull’argomento, rimandando lo stesso alle valutazioni dell’amministrazione comunale. Ma certi soggetti hanno l’incredibile arroganza e supponenza di volerne sapere sempre più di chi le cose le ha trattate in prima persona come membro della Circoscrizione Verbania Est (Ramoni) in occasione delle riunioni che i membri della Circoscrizione stessa tengono regolarmente prima di incontrarsi in Consiglio di Quartiere priprio per discutere i temi all’odg, riunioni ove certi soggetti non erano presenti e quindi NON POSSONO SAPERE quali scuole fecero richiesta in meriro al posizionamento dei prati sintetici. Quindi certi soggetti dovrebbero informarsi accuratamente prima di divulgare informazioni inesatte e accusare pesantemente di asserire il falso col fine molto basso di screditare chi, evidentemente, da fastidio nello svolgere il proprio ruolo politico e istituzionale.
    È poi evidente che al tempo della Commissoone LLPP citata il nostro gruppo consiliare non fosse al corrente delle richieste fatte dalle scuole alla Circoscrizione Est, oppure le stesse non erano state ancora avanzate, per cui il nostro gruppo non ebbe nulla da obiettare in merito a quanto stabilito sull’erba naturale: se avessimo saputo saremmo sicuramente intervenuti diversamente nel merito della questione.
    Per finire nel parziale resoconto non viene fatto notare quanto la Commissione LLPP specificasse in merito alla richiesta fatta alla Giunta ovvero “ove tecnicamente possibile” e nemmeno quanto specificato, e riportato nello stesso verbale del Consiglio Verbania Est, da insegnanti e genitori dei bambini dell’asilo di Biganzolo ovvero come nel parco in corrispondenza dell’albero storico non crescesse l’erba con tutti i problemi a ciò connessi, aspetto questo SQUISITAMENTE TECNICO.
    Alle richieste presentate dalle scuole del Quartiere Verbania Est se ne aggiunsero poi molte altre arrivando ad individuare sei plessi su cui intervenire in base alle priorità, ove asilo di Biganzolo ed elementare di Torchiedo risultano al secondo e quinto posto.
    Con Silvia per Verbania

    Reply
    • grazie per aver parafrasato un mio commento, a conferma che non sono l’unico ad aver compreso che alcune critiche servono solo a riempire la giornata, come un innocuo passatempo.

      Reply
  5. renato brignone 14 giugno 2018, 13:04

    Mi sono informato presso la scuola di Torchiedo e presso la circoscrizione, mi spiace per il buon Ramoni, ma ha detto cose false, già che va dal suo avvocato per un cagnolino mordace, gli parli anche delle mie affermazioni 😀

    Reply
  6. sicuramente piu’ igienici per i bambini delle scuole senza terra o fanghiglia..mi permet to una battuta..ci metteranno anche le galline e i coniglietti di plastica per abituare i bambini alle meraviglie della natura?

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.